Il New Jersey rilascia più di 2.200 detenuti ammissibili ai sensi della prima legge nazionale sulla condanna per crisi di salute pubblica

La legge, approvata dal legislatore statale a settembre, consente di ricompensare i crediti di condanna ai detenuti entro un anno dal completamento della pena durante una crisi di salute pubblica come la pandemia Covid-19.

Altre 1.167 persone saranno rilasciato su base continuativa tra il 4 novembre e il 4 marzo 2021, il portavoce del Dipartimento di correzioni del New Jersey (NJDOC) ha detto alla CNN Matt Schuman.

Detenuti che scontano pene per omicidio, violenza sessuale aggravata o che sono stati considerati un sesso ripetitivo e compulsivo l'autore del reato non ha diritto alla liberazione anticipata, secondo la legge.

"Da marzo, la popolazione negli istituti penitenziari statali è diminuita di quasi 3.000 persone (16%), comprese più di 1.200 persone che sono state rilasciate in base all'Ordine Esecutivo 124. Questa drastica riduzione ha consentito un distanziamento sociale critico come parte lotta contro COVID-19 ", ha detto il governatore Pil Murphy in un comunicato stampa, dopo aver firmato il disegno di legge.

Secondo il disegno di legge, ai detenuti, compresi i minori aventi diritto, vengono assegnati crediti di emergenza sanitaria pubblica che possono ridurre fino a otto mesi la loro pena durante qualsiasi periodo di emergenza dichiarato.

Questa è la prima fattura del suo genere in paese, secondo la Conferenza nazionale dei legislatori statali.

Il New Jersey ha registrato uno dei più alti tassi di morte pro capite per Covid-19 nel paese, con 52 morti di detenuti nelle strutture di correzione del New Jersey dall'inizio della pandemia.

Le sue strutture di correzione statali hanno segnalato Covid-19 casi per un totale di più di 3.000 detenuti e oltre 1.000 dipendenti di correzioni, secondo i dati NJDOC.

"La diffusione del COVID-19 nelle carceri del New Jersey, e il nostro più alto tasso di mortalità nella nazione, è stata una questione di pubblico salute, una questione di giustizia razziale e una questione di vita o di morte ", ha detto Amol Sinha, direttore esecutivo dell'ACLU del New Jersey in una dichiarazione.

"Le morti di COVID-19 in prigione erano prevenibili e, fortunatamente, con la firma di questo disegno di legge, il New Jersey ha adottato misure per prevenire altre morti non necessarie. Questa legge funge da roadmap per il resto del la nazione per evitare la devastazione che abbiamo visto qui. "

I detenuti hanno il doppio delle probabilità di morire di Covid-19 rispetto a quelli all'esterno, secondo un recente studio della Commissione nazionale sul Covid -19 e Criminal Justice, una commissione del Council on Criminal Justice.
Altri studi hanno anche dimostrato che i tassi di morte e infezione da Covid-19 sono più alti nelle carceri statunitensi rispetto alla popolazione generale.
Durante l'estate, più carceri hanno rilasciato alcuni prigionieri mentre le epidemie nelle strutture sono aumentate – come in California e Ohio .

Leggi Tutto – Gratis

Precedente Le multinazionali tornano alla fiera delle importazioni come voto di fiducia nell'economia cinese Successivo Ritorno in classe: queste sono le sfide emotive e psicologiche di studenti e insegnanti | Economia