L'attivista pro-democrazia di Hong Kong Joshua Wong è stato arrestato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale

Wong era già in prigione, scontando una condanna a 13,5 mesi per il suo ruolo nelle manifestazioni durante il movimento di protesta pro-democrazia del 2019. Giovedì, un post pubblicato sulla pagina Facebook verificata di Wong ha detto che era stato trasferito dalla prigione a un centro di detenzione, dove gli agenti di polizia lo hanno interrogato.

Il post affermava che l'avvocato di Wong non era stato in grado di contattarlo quando la polizia ha preso le dichiarazioni.

La polizia ha confermato l'arresto di Wong alla CNN, così come l'arresto di un secondo attivista, Tam Tak-chi, 47 anni, giovedì. I due erano stati arrestati per "sovvertimento del potere statale", ha detto la polizia.

L'arresto di Wong è l'ultimo avvenuto sotto gli auspici della nuova legge sulla sicurezza nazionale di Pechino, che mercoledì ha visto la polizia arrestare 53 incursioni all'alba sulla democrazia. attivisti in tutta la città.

La legge criminalizza gli atti di secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere e porta con sé la pena massima dell'ergastolo. Parametri così vaghi hanno fornito alle autorità ampi poteri per reprimere gli oppositori del governo mentre Pechino continua a rafforzare il suo controllo sulla città semiautonoma.

I funzionari di Hong Kong avevano precedentemente promesso che la legge avrebbe avuto effetti limitati e avrebbe preso di mira solo un piccolo numero di attivisti marginali. Tuttavia, i critici affermano che sin dalla sua introduzione, la legge è stata utilizzata per sradicare con la forza il movimento pro-democrazia della città, un tempo vivace.

Un totale di 53 persone sono state arrestate mercoledì per il crimine di "sovvertimento del potere statale", secondo la polizia. Tra questi, sei sono stati arrestati per aver organizzato e pianificato un'elezione primaria informale lo scorso luglio prima delle elezioni del Consiglio legislativo della città, mentre i restanti 47 sono stati arrestati per la loro partecipazione all'evento.

Le elezioni primarie sono una funzione normale nelle democrazie di tutto il mondo. Al momento del voto di Hong Kong, le primarie democratiche degli Stati Uniti, vinte dal presidente eletto Joe Biden, erano ancora in corso.

Gli attivisti pro-democrazia di Hong Kong hanno tenuto tali voti in passato, nel tentativo di eguagliare il organizzazione e disciplina del campo rivale pro-Pechino ed evitare di frammentare il sostegno.

Il segretario della sicurezza della città, John Lee, ha detto mercoledì che gli organizzatori delle elezioni primarie stavano cercando di "paralizzare il governo di Hong Kong" ottenendo la maggioranza in il legislatore.

Le elezioni legislative furono alla fine posticipate a causa della pandemia di coronavirus, ma non prima che più candidati fossero squalificati e gli avvertimenti facessero sapere che coloro che partecipavano alle primarie potevano violare la legge sulla sicurezza.

Di I 53 arrestati mercoledì, 52 sono ora su cauzione, ma sono tenuti a consegnare i documenti di viaggio e a fare rapporto di nuovo alla polizia all'inizio di febbraio, ha detto la polizia alla CNN.

Il rimanente attivista, l'ex parlamentare democratico Wu Chi-wai, è stato portato in tribunale giovedì dopo che la polizia ha dichiarato di non aver consegnato tutti i documenti di viaggio quando ha richiesto la libertà su cauzione in un caso precedente.

Lester Shum, un consigliere distrettuale che era tra quelli rilasciati su cauzione, ha definito l'arresto di massa "ridicolo".

"Penso che sia assurdo perché non si tratta di affermare che ho detto qualcosa dopo aver partecipato alle elezioni del Consiglio legislativo. Semplicemente mi accusa di sovversione perché abbiamo tutti partecipato alle primarie democratiche ", ha detto.

Anche tra gli arrestati c'era l'avvocato americano John Clancey, che è stato rilasciato su cauzione senza accusa. Collaboratore di uno studio legale di Hong Kong, Clancey è stato anche tesoriere di Power for Democracy, un gruppo pro-democrazia di Hong Kong che ha co-organizzato le primarie elettorali.

Il suo passaporto statunitense è stato confiscato dalla polizia, ha detto alla CNN giovedì. Anche la sua azienda, HO TSE WAI & Partners, è stata perquisita giovedì dalla polizia, secondo il suo partner. Clancey è il primo cittadino straniero senza passaporto di Hong Kong ad essere arrestato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale.

Gli arresti di massa furono accolti con una forte condanna da diversi paesi. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato che gli Stati Uniti prenderanno in considerazione sanzioni in risposta agli arresti, indicando in particolare l'arresto di Clancey. "Sono anche sconvolto dalla notizia dell'arresto di un cittadino americano come parte di questa campagna di repressione politica", ha detto in una nota. "Gli Stati Uniti sostengono il popolo di Hong Kong e tutti coloro che desiderano la libertà".

Anche altri governi hanno espresso critiche e preoccupazione per gli arresti, inclusi il Regno Unito, l'Unione europea e Taiwan.

"La sicurezza nazionale La legge viene utilizzata per reprimere il dissenso e soffocare l'esercizio dei diritti umani e delle libertà politiche che sono protetti dalla legge fondamentale di Hong Kong, nonché dal diritto internazionale e dagli obblighi e impegni internazionali della Cina ", ha dichiarato mercoledì il portavoce della Commissione europea Peter Stano, aggiungendo che l'UE ha chiesto il "rilascio immediato" degli arrestati.

Leggi Tutto – Gratis

Precedente I punti di riferimento di Londra si illuminano di blu per salutare il personale dell'NHS che combatte contro il Covid-19 Successivo "Da quando sono rimasto paralizzato ho vissuto una pandemia" | Madrid