Incendio a Beachie Creek: più di 100 persone fanno causa alla PacifiCorp per i danni causati da un incendio nell'Oregon

L'incendio, che si è acceso in agosto e ha bruciato fino alla fine di ottobre 2020, ha distrutto quasi 200.000 acri. Più di 1.300 strutture, comprese 470 case e almeno 8 vite furono perse nel fuoco, secondo le cause legali.

Più di 100 querelanti sono nominati nelle cause, che affermano che PacifiCorp non l'ha fatto prendere abbastanza sul serio gli avvisi sul vento nella zona e sostenere che le linee elettriche elettrificate abbattute hanno causato la rapida crescita dell'incendio. Gli investigatori non hanno rilasciato una causa ufficiale dell'incendio.

"L'incendio di Beachie Creek avrebbe potuto essere evitato se PacifiCorp avesse adeguatamente mantenuto le sue attrezzature o avesse istituito un'interruzione di corrente di pubblica sicurezza (cioè diseccitazione)", dicono le cause. "Invece, PacifiCorp ha mantenuto le sue linee elettriche sottoposte a manutenzione impropria anche dopo aver ricevuto una moltitudine di avvisi giorni prima che i venti forti rovesciassero la sua infrastruttura elettrica mal mantenuta."

In una dichiarazione alla CNN, il portavoce di PacifiCorp Drew Hanson ha detto: "Come politica aziendale , non commentiamo le controversie pendenti. "

In vista del fine settimana del Labor Day in cui è esploso l'incendio, il Monitor della siccità degli Stati Uniti ha indicato che alcune parti del paese erano in condizioni di siccità da moderata a grave, dicono le cause. Il Servizio meteorologico nazionale degli Stati Uniti aveva anche emesso diversi avvisi di avvertenza con bandiera rossa, caldo eccessivo e caldo.

"PacifiCorp ha compreso la gravità di queste condizioni meteorologiche e ha scelto di avvertire i propri clienti ma non ha adottato misure preventive (o alcuna misura) progettato per prevenire i rischi di incendio ", dicono le cause.

Le cause chiedono più di un miliardo di dollari in danni per danni alla proprietà, perdite economiche e interruzioni della vita delle persone.

" Non sanno dove dormiranno , se saranno in grado di permettersi un riparo temporaneo, o se saranno anche in grado di ricostruire le loro vite, il tutto nel mezzo di una pericolosa pandemia ", dicono le cause.

A settembre, il governatore dell'Oregon Kate Brown ha detto che l'incendio "potrebbe essere la più grande perdita di vite umane e proprietà a causa di un incendio nella storia del nostro stato".

L'ambientalista George Atiyeh è stata una delle vittime dell'incendio dopo che le fiamme sono esplose durante la notte nel un rea dove si trovava la sua casa.
L'incendio iniziò nell'Opal Creek Wilderness, un rifugio di 20.000 acri di ripide e aspre colline boscose, secondo il Forest Service .

Il rifugio nel deserto è stato protetto dalla legislazione federale nel 1996 dopo che gli attivisti, tra cui Atiyeh, hanno respinto i piani per aprire l'area per il disboscamento.

Leggi Tutto – Gratis

Precedente Google onora il dottore cinese-malese Wu Lien-teh, il cui rivestimento chirurgico per il viso è considerato l'origine della maschera N95 Successivo Essere una donna rifugiata | Nuove vite