L'amministrazione Biden spende 62 milioni di dollari a settimana per prendersi cura dei minori migranti non accompagnati

Nell'ultimo mese, HHS ha annunciato o aperto almeno 11 nuove strutture con altre in arrivo, appoggiandosi a centri congressi, siti militari e spazi di afflusso per cercare di far uscire i bambini dalle stazioni di pattuglia di frontiera, che sono simili al carcere- condizioni simili e non adatto ai bambini. Il dipartimento sovrintende a una rete di accoglienza per i bambini migranti, ma tale capacità è stata ridotta nell'ultimo anno in risposta alla pandemia, facendo sì che l'agenzia si affretti a portare online strutture temporanee più costose.

Il costo giornaliero per bambino è più del doppio di quello del programma di accoglienza già stabilito dal dipartimento – a circa $ 775 al giorno, rispetto a circa $ 290 al giorno – secondo i dati condivisi con la CNN e riportati per la prima volta dal Washington Post . HHS ha citato la necessità di sviluppare strutture e assumere personale in un breve periodo di tempo tra i motivi per cui i rifugi temporanei sono più costosi.

Insieme, i siti forniranno più di 16.000 posti letto per accogliere i bambini, oltre ai circa 13.721 posti letto nel programma di accoglienza permanente del dipartimento, che fino a poco tempo fa operava con una capacità ridotta a causa del Covid-19.

Ci sono circa 8.876 bambini che occupano letti nel programma di accoglienza autorizzato del dipartimento e circa 8.124 bambini nei siti temporanei, a partire da giovedì, secondo HHS.

Nonostante la spesa più alta, questa settimana un funzionario della Casa Bianca ha detto alla CNN che non ci sono piani per chiedere al Congresso ulteriori finanziamenti al momento. Nel 2019, durante la crisi di confine di quell'anno, l'amministrazione Trump ha chiesto 4,5 miliardi di dollari in finanziamenti di emergenza.

Chiesto sui costi elevati venerdì, l'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha citato il 2019. "L'amministrazione precedente ha richiesto – e ricevuto – quasi 3 miliardi di dollari di finanziamenti supplementari dal Congresso per il programma (bambini non accompagnati) nel 2019", ha detto, aggiungendo che prima di allora, altri milioni erano stati trasferiti al programma.

A marzo, la US Customs and Border Protection ha incontrato 18.890 minori non accompagnati, un numero record e quasi il doppio del numero di arresti di minori a febbraio, secondo i dati dell'agenzia . Il picco degli arrivi ha portato a condizioni di sovraffollamento nelle strutture di frontiera e, di conseguenza, l'urgente necessità di aprire strutture per accogliere i bambini.

"Attivando rifugi temporanei – e avendo potenziali rifugi con status di riserva – (l'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati) ha la capacità di rispondere a livelli in continua evoluzione di rinvii e in questo caso una situazione di emergenza", ha detto il dipartimento in una dichiarazione, aggiungendo che è difficile prevedere i costi finali dato il continuo bisogno.

Nel marzo 2021, 13.832 minori non accompagnati sono stati affidati alle cure dell'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati, l'agenzia federale sotto HHS incaricata della cura dei bambini, segnando il maggior numero di rinvii nella storia del programma, secondo HHS.

Il numero crescente di bambini in custodia di HHS indica un certo livello di progresso, poiché il numero di bambini migranti non accompagnati nelle strutture di pattuglia di frontiera diminuisce. Ma è anche probabile che aumenti il ​​costo settimanale.

A partire da giovedì, c'erano 16.941 bambini sotto la custodia di HHS e 3.881 sotto la custodia di CBP – un'agenzia non attrezzata per prendersi cura dei bambini – secondo gli ultimi dati governativi disponibili.

Tuttavia, il numero di bambini incontrati quotidianamente sta superando quelli dimessi dall'HHS, il che significa che ci sono più arrivi che liberazioni agli sponsor, indicando la necessità di una maggiore capacità.

"Il problema di base in questo momento è che ogni giorno più bambini stanno arrivando di quelli che vengono rilasciati a genitori e sponsor. Continuerà a esserci bisogno di più capacità, a meno che il numero di bambini in arrivo non diminuisca o l'HHS non sia in grado di rilasciare i bambini più rapidamente ", ha detto Mark Greenberg, un membro anziano del Migration Policy Institute ed ex funzionario dell'HHS.

"La cosa importante che sta realizzando è aiutare a portare i bambini fuori dalle strutture di detenzione del CBP, che sono gravemente affollate, non un buon posto per i bambini in qualsiasi circostanza, in particolare durante la pandemia", Greenberg ha detto, riferendosi allo sviluppo della capacità.

La ​​durata media della permanenza in custodia di HHS è di 31 giorni, secondo i documenti interni ottenuti dalla CNN . Il tempo in custodia varia a seconda delle categorie di sponsor, dai genitori o tutori ai parenti lontani. Ad esempio, i bambini in custodia che hanno un genitore o un tutore negli Stati Uniti rischiano di essere dimessi da quello sponsor in media in 25 giorni, rispetto a uno sponsor indipendente o un parente lontano, che può richiedere 54 giorni, mostrano i documenti. [19659003] In più dell'80% dei casi, il bambino ha un familiare negli Stati Uniti, secondo il Department of Homeland Security.

L'amministrazione Biden sta cercando di accelerare il processo e incoraggia i genitori o tutori, molti dei quali privi di documenti, per prelevare i loro figli dalla custodia. Ma fino a quando uno sponsor non viene identificato e controllato, i bambini rimangono sotto la custodia degli Stati Uniti.

Leggi Tutto – Gratis

Precedente Covid: compleanno in un resort, multata premier Norvegia - Europa Successivo Villaggi di Cadice: Setenil de las Bodegas, 24 ore in un villaggio bianco tra le rocce | Il viaggiatore