La produzione di Coke Energy verrà interrotta in Nord America

Coke Energy ha raggiunto gli scaffali nel gennaio 2020, pochi mesi prima che il coronavirus iniziasse a diffondersi nella regione. Tuttavia, la pandemia ha alterato la strategia commerciale del gigante delle bevande e in una dichiarazione Coca-Cola ha detto che si sta concentrando sulle bevande che stanno vendendo bene, comprese le sue acqua frizzante con caffeina e le bibite tradizionali.

"Una componente importante di questa strategia è la valutazione coerente e costante di cosa sta funzionando e cosa no", l'azienda. "Mentre scaliamo le nostre migliori innovazioni in modo rapido ed efficace, come AHA e Coca-Cola with Coffee, dobbiamo essere disciplinati con coloro che non ottengono la trazione necessaria per ulteriori investimenti"

 Coke Energy non sarà più venduta in Nord America.

Quattro varietà furono vendute in tutto il Nord America, tra cui Coke Energy, Coke Energy Zero Sugar, Coke Energy Cherry e Coke Energy Cherry Zero Sugar. La bevanda è realizzata con estratti di guaranà e vitamine del gruppo B, contiene 114 mg di caffeina per porzione da 12 once. Una lattina da 12 once di Coca Cola normale contiene circa 34 mg di caffeina.

Coke Energy rimarrà in vendita in altre parti del mondo.

È l'ultimo prodotto Coca-Cola ad essere eliminato dalla sua vasta gamma. L'azienda con sede ad Atlanta ha annunciato l'anno scorso che avrebbe interrotto 200 marchi, o circa la metà del suo portafoglio. La riduzione consentirebbe alla Coca-Cola di concentrarsi sulle sue offerte più redditizie.
Finora, Zico cocco water Tab e Odwalla succhi sono stati sepolti nel cimitero delle bevande.

Leggi Tutto – Gratis

Precedente I casi di COVID-19 salgono a 24.372.907 in India, il bilancio delle vittime raggiunge i 266.207 Successivo Giornata internazionale dei musei: i musei educano ancora? | Babelia