I pazienti cinesi con coronavirus sono soggetti ad abusi e bullismo quando emergono nuovi focolai

In Cina, dove è ancora in atto un approccio di tolleranza zero contro il Covid-19, l'infezione con il virus può significare non solo sofferenza fisica ma anche dolore mentale. Un padre di 38 anni soprannominato Lin e la sua famiglia erano tra i i primi pazienti in una recente epidemia nel sud-est della Cina e sono stati oggetto di abusi. L'uomo, che ad agosto è tornato da Singapore dove lavorava ed era sospettato di essere il paziente zero nell'ultimo focolaio nella provincia del Fujian a settembre, ha dovuto perorare …

Leggi Tutto – Gratis

Precedente Raro lotto residenziale a Repulse Bay che probabilmente attirerà forti offerte da parte degli sviluppatori man mano che le prospettive per le abitazioni di lusso migliorano Successivo Dal re del carbone allo spagnolo che ha ingannato Wall Street: le conoscenze della giustizia sui 'Pandora Papers' | Le "carte di Pandora"