Torna Doc e ascolti volano, Argentero vi stupiremo – Tv

Mentre l’Italia conta ogni giorno i nuovi positivi al Covid, torna in in prima serata in tv il dottor Andrea Fanti, cui presta volto e sorriso Luca Argentero, e la sua squadra di medici, con la seconda stagione di Doc nelle tue Mani e gli ascolti tornano a volare su Rai1: oltre 7 milioni e uno share del 30.5%, con picchi del 34.8% per non parlare delle interazioni social, subito trend topic .
    Doc ha scelto di occuparsi di pandemia e coronavirus. La scelta, almeno nella puntata di esordio si è rivelata vincente, e non sono stati pochi i colpi di scena. Due avvenimenti inaspettati: la gravidanza di Giulia (Matilde Gioli) e la morte del medico Lorenzo Lazzarini (Gianmarco Saurino) proprio per il virus. Nel cast Pierpaolo Spollon, ma ci sono anche nuovi attori per nuovi personaggi, come Giusy Buscemi e Gaetano Bruno e Alice Arcuri che interpreta Cecilia Tedeschi. Argentero in una dichiarazione all’ANSA nel condividere la sua gioia con tutti i colleghi di lavoro e nel ringraziare il pubblico dice: “Sono enormemente felice che gli spettatori abbiano confermato il loro affetto verso Doc e i suoi protagonisti ma il bello deve ancora venire, quindi mi auguro che gli spettatori continuino a seguirci su Rai1 anche nelle prossime puntate perché le sorprese non mancheranno”. E non va dimenticato che al termine delle due puntate di ieri ha annunciato: “Ho ancora un contratto valido in questo ospedale. Questo è il mio reparto” dice il dottor Fanti, entrando nel Cda, mentre Cecilia Tedeschi chiedeva proprio l’allontanamento di Doc.
    Il coraggio della serie è forse come ha provato a rileggere i fatti di quel febbraio 2020 che ha letteralmente stravolto le nostre esistenze. L’ospedale, centro della vita dei protagonisti, in questo primo episodio si trasforma nel centro dell’Italia intera. Viene rivisitata nella realtà di Doc 2 il paziente 1 o O, è all’interno dell’ospedale ed è un medico.
    Prodotto da Lux Vide e Rai Fiction, Doc segna il miglior debutto per una seconda stagione in termini di share. Un successo in cui, nelle percentuali comunque alte dell’ascolto complessivo, si fa notare l’affezione dei target più pregiati: in particolare, le donne tra i 15 e i 24 anni (33.6%) e tra i 25 e i 34 anni (32.5%) e i laureati (34%). Soddisfatta la Direttrice dì Rai Fiction, Maria Pia Ammirati:” È una serie matura Doc – Nelle tue mani, e dice della qualità a cui è arrivata la fiction italiana, per la corrispondenza con le attese del pubblico, per la ricchezza narrativa, per la forza del cast e la modernità della scrittura e della regia. È un bell’inizio di stagione, promettente e benaugurante per la fiction”.
    Per il Direttore di Rai1, Stefano Coletta “E’ una storia non soltanto medica ma sentimentale che deve molto alla naturalezza e autenticità del cast, a partire da Luca Argentero e Matilde Gioli e alla scrittura e alla regia molto tensive e dense di tratti innovativi”.
    “Oggi vince il nostro Paese – sottolinea Luca Bernabei, Ad di Lux Vide – e vince una storia intorno alla quale si sono raccolti i cuori di oltre 7 milioni di spettatori. Questa stagione di Doc è stata concepita nel periodo più buio della pandemia. È stata fatta crescere con il desiderio di raccontare il dolore, ma anche la speranza di un Paese che sta affrontando la sfida più dura degli ultimi decenni”. E il dottor Fanti, come racconta Matilde Bernabei, Presidente di Lux Vide, è amatissimo anche fuori dai confini italiani Ancor prima della messa in onda, infatti, è già stata venduta in Australia, Canada, Venezuela, Francia, Spagna, Olanda, Nigeria e Repubblica Ceca, segno della sua unicità ed originalità dall’appeal globale”. Il 19 novembre 2020, la seconda parte della prima stagione aveva chiuso col botto, a 8,5 milioni il 30,8%. (ANSA).
   

Leggi Tutto – Gratis

Precedente Coronavirus negli Stati Uniti: molti ospedali negli Stati Uniti stanno interrompendo le procedure non urgenti con l'aumento dei ricoveri per Covid-19 Successivo Novak Djokovic è stato arrestato in Australia prima dell'udienza decisiva sull'immigrazione