Francisco Igea risulta positivo al coronavirus | Elezioni in Castilla y León 13F

 Screenshot del video pubblicato da Francisco Igea questo venerdì sul suo account Twitter.
Screenshot del video pubblicato da Francisco Igea questo venerdì sul suo account Twitter.

"Ho una brutta notizia da dare all'inizio di questa Campana". Francisco Igea, il Ciudadanos candidato alla presidenza della Junta de Castilla y León alle elezioni del 13 febbraio, ha comunicato tramite il suo account Twitter di aver contratto il coronavirus. “Questo pomeriggio, di ritorno da Segovia, mi sono sentito male, avevo la gola irritata, un po' di naso che cola, pochi sintomi, ma stando così le cose, ho fatto quello che penso di dover fare, ovvero fai un test dell'antigene e sfortunatamente il test dell'antigene è risultato positivo ", ha dettagliato in un video trasmesso alle 21:42 questo venerdì.

“Questa è una campagna che riguarda la verità e non potremmo e non dobbiamo comportarci diversamente da come chiediamo ai nostri concittadini. Rispetterò la quarantena, come potrebbe essere altrimenti ”, ha dettagliato Igea, 57 anni, medico di professione all'ospedale Río Carrión di Palencia.

Igea, che è stato vicepresidente del Cda fino allo scorso dicembre, ha fatto presente che continuerà a partecipare "da casa" alla campagna, "telematicamente", ed ha espresso la speranza di poterlo fare, una volta superata la malattia, faccia a faccia nella seconda parte del periodo pre-elettorale. «Faremo tutto, compagni. Non preoccuparti. Continueremo ad essere quello che siamo, persone oneste”, ha incoraggiato i suoi seguaci.

Nonostante sia convalescente, il regolamento elettorale consente al candidato di intervenire telematicamente nel primo dei due dibattiti televisivi con gli headliner, che si terrà lunedì prossimo, 31 gennaio, su RTVE. Un secondo incontro dei candidati, organizzato dalla televisione regionale, canale privato a finanziamento pubblico, è previsto per mercoledì 9 gennaio.

Cittadini faceva parte della coalizione regionale Esecutivo fino al lo scioglimento anticipato dei Tribunali regionali, deciso dal presidente, il popolare Alfonso Fernández Mañueco, che adduceva a pretesto una presunta mozione di censura che i suoi soci con il PSOE per rimuoverlo dall'alimentazione. Ora Cs parte dai sondaggi contrari. L'ultimo sondaggio della CSI gli dà da due a cinque seggi, quando ora ha 11 pubblici ministeri nei tribunali. Nel marzo 2020 Francisco Igea ha affrontato Inés Arrimadas, alle primarie in cui ha conquistato la guida del partito dopo le dimissioni di Albert Rivera.

Ciò che colpisce di più è ciò che accade più vicino. Per non perderti nulla, iscriviti.

Abbonati

Leggi Tutto – Gratis

Precedente BA.2, la versione di Omicron appena rilevata, non è motivo di allarme, affermano gli scienziati Successivo Coronavirus in Italia, bollettino di oggi 28 gennaio 2022: aggiornamento sui casi positivi, i ricoverati e i guariti